Statistiche

Tot. visite contenuti : 18971

9 settembre 2016

Passato il caldo torrido le asclepiadaceae danno il meglio

 

inizio settembre, ecco la splendida fioritura di Huernia leachii, zone di provenienza Mozambico e Malawi

Huernia leachii

sono disponibili talee non radicate, vendita  in serra e online € 5.50


 

 

BUON 2013


 

il 2012 è stato...  un anno di corsa, di poco tempo per aggiornarvi sulle novità

e condividere le nostre esperienze.

Giorni di fatica per affrontare la crisi lavorando il triplo solo per riuscire a pagare le tasse!

So di non dirvi niente di nuovo, questa situazione tocca la maggior parte delle persone "comuni".

Abbiamo "tribolato", ci siamo arrabbiati, abbiamo viaggiato cercando di renderci visibili con le nostre

meravigliose piante anche in paesi che non conoscevamo.

Nel 2012 qualcosa abbiamo perso, qualcuno non c'è più, ma abbiamo ricevuto un meraviglioso regalo:

ad agosto è nato IVAN, il nostro socio maggioritario.

Per un suo sorriso valeva bene la pena di vivere fin qui!!!


a tutti Voi che ci avete seguito, che avete sollecitato l'aggiornamento del catalogo senza essere

accontentati e che ci avete dimostrato ugualmente affetto e simpatia,

vanno i nostri auguri per un 2013 un poco più leggero,

sereno, gonfio di speranze rinate e di voglia di ridere

Buon anno!


potete seguirci su facebook  (molto più veloce da aggiornare!):

https://www.facebook.com/AziendaAgricolaFlorovivaisticaCastellaro

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

 

 


 

 

eccezionale fioritura di agave lophanta

 

per la prima volta da quando collezioniamo piante grasse abbiamo la gioia di vedere a casa nostra la fioritura di un'agave !

l'agave fiorisce e poi muore ma non c'è spazio per la tristezza, se è arrivata a fioritura significa che qui è stata molto bene e

ha ritenuto di affidarcii suoi semi e i figli che nasceranno direttamente sullo scapo fiorale!

una fine "col botto", ancora più straordinaria se pensiamo che vive in pianura padana da  molti anni e la fioritura è stata

"preparata" in questo clima così diverso dal Mexico di cui è originaria.

metteremo giorno per giorno le fotografie di questo evento per poterne godere insieme la magia.

Potrete accontentarvi delle foto o fare una gita e venire a vederla da vicino, è uno spettacolo raro e prezioso.

 

 

27 giugno

 


Agave

 

 

28 giugno

 

Agave

29 giugno

Agave

Agave

 

 

 

2 luglio

 


Agave

 

 

lo scapo fiorale cresce  più di 20 cm al giorno,

la sommità si gira verso il sole

 

 

 

 

 

 

6  luglio

 

cominciamo ad avere difficoltà a misurare col metro normale,

cresce circa 22 cm al giorno!!!



 

 

7 luglio


sono uscite queste piccole escrescenze sullo stelo,

ho visto questi fiori nelle foto di fiori d'agave

ma sono sui palchi laterali e non così adesi al corpo

 

 

 

fiore

 

11 luglio

 

lo stelo misura 2 metri e 70,

Sandro il micio ha deciso di aiutare Sonia nella misurazione Risatona

 

 

18 luglio   m. 3.40 di stelo

sommati al metro e venti di pianta

cominciano le difficoltà di misurazione

 

 

 


 

 


19 luglio  3 metri e 50 cm

 

 

 

22 luglio

raggiunti i 4 metri di stelo!!!

 

 

 

 

29 luglio 2011

ormai è molto più facile fotografarla dal terrazzo

m. 4. 30

 

4 agosto

h. dello stelo 4.70

altezza totale 5.90

apertura del primo fiore

 

 

 

9 agosto

il pennacchio si sta aprendo,

il vento di ieri sera ci ha veramente preoccupato, vedere

questo stelo di 5 metri ondeggiare non era per niente tranquillizzante, evidentemente

è abbastanza legnoso per reggere la stagione delle piogge

 

 

 

 

 

12 agosto

ogni fiore ha la sua goccia di nettare

la pianta comincia ad ingiallire

 

 

17 agosto

 

per niente facile sentire il profumo Sorridente

 

 

 

la fioritura continua, da basso verso il cielo

i fiori sono visitati dalle vespe che abitano tra le foglie della pianta

non ho visto farfalle né insetti diversi

 

 

3 settembre 2011

credo manchino solo pochi giorni

alla fine della fioritura

 

non sembrano esserci fiori impollinati,

la fioritura si sposta verso l'alto e i fiori secchi

cadono lasciando lo stelo nudo

 

 

 

 

e adesso??    21 ottobre, questa mattina leggera "brinata"

come riparare una pianta alta 6 metri?

nell'ultimo metro di stelo, lassù, sembrano ingrossarsi

piccoli bottiglini, potrebbero essere frutti

la pianta è ancora verde, non possiamo lasciarla gelare, vorremmo

vedere finire il corso  normale della sua vita!

domani tenteremo di ripararla nella stalla,

una volta dentro ci può  stare ma

la porta è circa 5 metri.... come inclinarla?

 

 

 

23 marzo 2012

è rimasta bellissima fin dopo  Natale, nonostante il freddo e la neve

 

agave neve

poi è arrivato il freddo eccezionale, qualche notte a -22°

impossibile resistere,

è ancora integra ma è morta

 

 

e  temo che siano morti con lei anche i frutti,

lo stelo è ancora in piedi, più alto del lampione sulla strada

 

 

 

è stato molto bello seguire questa esplosione di vita fino alla fine,

inevitabile un filo di malinconia.

Voglio chiudere questa piccola cronaca con il racconto che ne ha fatto

una persona che stimo molto.

Elia Bertoli è una scrittrice del mio paese, la memoria storica di Traversetolo.

Come "ragazza un po' più grande" suo è il compito di raccontare a noi

"ragazzi un po' più piccoli"

la storia che è passata su queste colline,

i suoi appunti partono dal 1945.... la sua memoria ancora prima.

Mi onora l'attenzione per questa agave che l'ha distratta per un attimo dalle sue

appassionate ricerche.

grazie Elia!!

 

 

PENSIERI E OSSERVAZIONI DI UNA PIANTA ECCEZIONALE

15 febbraio 2012

 

Avevo sempre sentito parlare della fatica di vivere nel periodo in cui il sole mancava, la luce era poca

e la notte era molto lunga, ma la serra che mi accoglieva mi dava tutto ciò che mi serviva.

In questo anno in cui ho avuto bisogno di tutte le mie risorse perché dentro di me premeva una forza

che mi spingeva al compimento del mio capolavoro.

E' stata una sfida col tempo, un lavoro prezioso che crescendo con regolarità portava ad avverare

quel sogno da tutti ritenuto impossibile.

Ma che ne sa il computer di quello che passa nelle mie fibre in ebollizione?

Lui conosce bene le statistiche di ciò che è già avvenuto.

Io, orgogliosa della mia posizione privilegiata, sorridevo mentre cominciavo a far crescere qualche

foglia, poi via via, i fiori lunga tutta l'estensione del mio lungo e prezioso gambo.

Gruppi di persone venivano  a vedere il fenomeno, osservavano ammirati la mia inusuale

ma deliziosa forma.

Ascoltavo i commenti e mi piacevano specialmente le domande che facevano i bambini,

le più strane e ancor più strane erano le risposte  degli adulti.

Passai felicemente l'estate, ma con l'arrivo dell'autunno si pensò alla possibilità di entrare nel tepore

della serra che mi aveva sempre accolto ma, ahimè ero cresciuta troppo

e non era possibile alzare il tetto.

Mi rassegnai a restare all'aperto riparata in un angolo della casa, avevo sopportato bene

le prime temperature basse e riuscivo a salvaguardare quei piccoli frutti,

che sulla punta verso il cielo, fenomeni di natura, erano la promessa che la mia vita

continuava a dispetto di tutti.

Dalla finestra vicina Milla mi sorrideva spiando i miei cambiamenti e spronandomi a resistere.

Ma poi è arrivato quel gelo potente e duraturo che mette a dura prova tutte le mie fibre nella

lotta per la sopravvivenza.

Chi vincerà? Dovrò arrendermi  e sottostare alle leggi che governano la mia specie?

Purtroppo si! ...era il 20 febbraio 2012...

Ringrazio chi mi ha permesso di vivere in modo privilegiato, ora il gelo è stato più forte

ed io saluto questo ambiente che mi ha accolto e sostenuto.

Spero che qualche mio frutto trasportato dal vento possa attecchire in qualche posto congeniale

e concedere ancora una meraviglioa AGAVE LOPHANTHA!!! Grazie e addio!


ELIA BERTOLI





 

 

gazzetta di Parma  7 agosto 2011

 

 

TANTI AUGURI DI SERENO NATALE A TUTTI GLI APPASSIONATI

E A TUTTI I NON APPASSIONATI

DI PIANTE GRASSE!!!!

 
Altri articoli...